L’iniziativa

UnitedKingsomFrance Germany Italy Spain Poland Hungaria

In quasi tutti i paesi europei si sta assistendo a una forte spinta politica e mediatica, ad opera di gruppi di pressione piccoli ma potenti, per la ridefinizione del matrimonio e della famiglia. Se questi gruppi avranno la meglio, il termine “famiglia” si riferirà presto a qualunque gruppo di due o più persone che vogliono essere definite come tali, ed il “matrimonio” sarà dissociato dalla sua naturale finalità procreativa. Invece che una relazione biologica, la “genitorialità” sarà considerata un semplice ruolo sociale, il che significa che i veri genitori di un bambino potranno essere sostituiti in ogni momento da perfetti estranei che vogliono agire da genitori.

Cresce la preoccupazione riguardo a queste tendenze. Sedici Paesi europei, di cui 8 sono Stati membri dell’Unione Europea, prevedono la definizione del matrimonio a livello costituzionale come l’unione di un uomo e una donna con il fine di fondare una famiglia, e della famiglia come una cellula naturale della società basata sul matrimonio. Ma queste garanzie costituzionali non sono sufficienti. Serve un’iniziativa popolare con cui i cittadini possano inviare un messaggio ai propri governi e parlamenti nazionali e alle istituzioni dell’Unione Europea.

IL MATRIMONIO È L’UNIONE DI UN UOMO E UNA DONNA

LA FAMIGLIA È COSTITUITA DA UN PADRE, UNA MADRE E I LORO FIGLI

QUESTA È LA FAMIGLIA DI CUI LA SOCIETÀ HA BISOGNO PER COSTRUIRE IL PROPRIO FUTURO

Le famiglie hanno bisogno di sostegno e protezione da parte dello Stato. Ma quando la definizione di famiglia viene modificata così da renderla possibile per qualunque gruppo sociale, diventa impossibile delineare politiche mirate per proteggere e dare aiuto alle vere famiglie.

Ecco il motivo per cui abbiamo lanciato l’iniziativa MUM, DAD & KIDS. Abbiamo scelto la forma della “Iniziativa Europea dei Cittadini” (EC), secondo il Regolamento UE 211/2011, che ci permette di presentare il nostro messaggio in modo uniforme in tutti i 28 Paesi membri dell’Unione e obbligherà l’Unione Europea e le sue istituzioni a dare una risposta alla nostra petizione. L’obiettivo ufficiale è di un milione di firme in un anno, ma speriamo di raccoglierne molte, molte di più.

Il primo passo è la registrazione ufficiale di questa iniziativa da parte della Commissione Europea. Abbiamo ufficialmente presentato la richiesta per la registrazione dell’iniziativa il 15 ottobre 2015, e siamo attualmente in attesa della risposta della Commissione Europea.

Se la Commissione Europea, per qualunque ragione, dovesse rifiutarsi di registrare ufficialmente questa iniziativa, andremo avanti a raccogliere firme con essa. Poi sottoporremo le firme raccolte ai parlamenti e ai governi dei Paesi membri dell’Unione Europea, oltre che alla Commissione Europea e al Parlamento Europeo. Ciò farà entrare la nostra iniziativa nell’agenda politica europea.

Official Submission (PDF)

Legislative Proposal (PDF)

Annunci